SkyTg24 va controcorrente e non manda in onda il video dell’omicidio dei due reporter. Scelta fatta anche per le decapitazioni compiute dall’Isis

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quando c’è un video con delle immagini violente e atroci, che documentano un omicidio in diretta, ci si trova davanti al bivio: mandarle in onda per dovere di cronaca o non trasmetterle per salvaguardare il pubblico a casa, soprattutto i minori?Come è già accaduto per i video delle decapitazioni compiute dall’Isis, SkyTg24, fedele alla linea del direttore Varetto, ha deciso di non mandarle in onda. Una linea rispettosa di un’etica professionale, scelta allo scopo di non propagandare violenza e atrocità gratuita. Sicuramente una decisione coraggiosa e controcorrente, ma fatta anche per distinguersi dalla massa, visto che la maggior parte dei media l’ha già fatta vedere più volte. A cominciare dai siti web. La morte violenta in diretta non è mai un bello spettacolo per chi guarda le immagini.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA