Speciale sul piccolo Loris, è rissa. Il produttore della fiction su Ambrosoli accusa la Rai

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

La decisione di Raitre di mettere su in un battibaleno uno speciale di Chi l’ha visto? sulla barbara uccisione del piccolo Loris ha mandato su tutte le furie il produttore della fiction di Raiuno che si è visto minacciare il successo di ascolti. Qualunque cosa succeda, il titolo della miniserie di Raiuno (in onda “qualunque cosa succeda”), si è dovuta fronteggiare con tutti i competitor, anche con quelli dell’ultim’ora. Il produttore della società 11 Marzo, Matteo Levi, appena ha saputo del cambio di palinsesto si è lasciato andare a un commento pesante: «è sconcertante», aggiungendo che quella di Raiuno «è una produzione significativa. Raccontiamo la storia di una figura importante per la società civile italiana, un eroe borghese come l’avvocato Giorgio Ambrosoli, con Pierfrancesco Favino. La Rai stessa e la presidente Tarantola ci credono molto. Peccato però che si metta la concorrenza interna con Chi l’ha visto? in un’operazione vorrei dirlo di sciacallaggio, di speculazione, su una brutta storia appena accaduta». Levi conclude: «Immagino che anche Rai Fiction sia sconcertata quanto me». Dichiarazioni pesanti, quelle di Levi. A Viale Mazzini ribadiscono che la tv pubblica non può non informare su una terribile vicenda come quella accaduta nel Ragusano. Federica Sciarelli ha replicato in maniera molto soft, senza lasciarsi andare a nessuna polemica. D’accordo che le fiction di Raiuno spopolano però Raidue e Raitre non devono mica portare l’acqua con le orecchie alla rete ammiraglia.

ROMA-INTER COME REPORT
La partita di calcio Roma-Inter, trasmessa in pay tv ha ottenuto lo stesso ascolto di Report su Raitre. Su Sky ha visto la gara una media di 1.725.456 spettatori per uno share del 6,2%. Ai quali vanno aggiunti quelli che l’hanno vista su Premium (979 mila e il 3,53%). Totale: 9,73%. A seguire Report invece sono stati 2.496.000 spettatori medi per uno share del 9,84%. Ancora una domenica bestiale per Milena Gabanelli e la sua squadra. Tuttavia, Roma e Gabanelli sono state sconfitte dal derby tra la Juve di Pirlo e il Torino di Cairo, visto su Sky da 1.637.070 spettatori medi (share dell’8,1%) e su Premium da 868 mila e 4,25%. Totale: 12,35%.

MARIA DE FILIPPI SUPERSTAR
Ancora un successo per un programma di Maria De Filippi. Tu sì que vales non ha fatto rimpiangere Italia’s got Talent, passato a Sky. La finale su Canale 5 è stata vista da quasi 6 milioni per il 27,5% di share, 7 punti in più del Ballando di Milly Carlucci.

TG5 ORO ZECCHINO
Lo Zecchino d’oro al posto dell’Eredità non è stata una idea brillante. Sabato scorso senza il solito traino il Tg1 è stato sorpassato dal Tg5: 4,783 milioni (21,01%) contro 4,989 (21.82%). La domenica il tiggì di Orfeo è tornato in testa.

CAMUSSO AFFONDA FLORIS
Ma non esiste una par condicio anche per i sindacati? Anche questo martedì di talk sarà consacrato ai sindacalisti. Da Floris a Dimartedì torna la Camusso (che ormai rimbalza come una pallina da tennis tra La7 e Raitre). Mentre Giannini ospiterà Landini. Ballarò stravincerà la sfida con Dimartedì se non altro per la presenza di Salvini e Brunetta.