Sportitalia chiude, il giallo resta aperto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Piccoli Berlusconi crescono. Nel mondo dell’etere e delle frequenze tv. In questo periodo c’è un imprenditore sulla rampa di lancio. Anche se dietro le sue imprese resta un velo di mistero. Si chiama Valter La Tona, numero uno del gruppo editoriale romano Lt Multimedia, che si è assicurato il passaggio nel suo gruppo dei tre canali di Sportitalia all’asta fallimentare dello scorso 29 luglio, i cui dipendenti appartengono alle società Edb Media ed Edb Service. Di recente però La Tona ha dichiarato a Italia Oggi di non esserne più il titolare, senza però dire a chi le abbia cedute. Il tutto mentre sono partite le trasmissioni sperimentali di Lt Sport 1, 2 e 3, i tre canali che dovrebbero sostituire gli altrettanti spazi occupati da Sportitalia. I sindacati hanno chiesto un incontro, finora invano. I giornalisti dell’emittente fondata da Tarak Ben Ammar invece sono in sciopero perché vedono il posto di lavoro in pericolo. Si temono che dietro le cessioni ci possano essere degli escamotage per aggirare il contratto con la concessionaria pubblicitaria (l’esclusiva con la Prs per Sportitalia è stata confermata dal Tribunale civile di Milano) e favorirne l’ingresso di un’altra. Per non parlare poi dei possibili tagli del personale.

Un altro nodo da sciogliere riguarda la questione del multiplex. Per ora si è parlato della piattaforma Tivù Sat e per il digitale terrestre delle frequenze di Timb2 (di Telecom Italia Media). Ma per La Tona – che dovrà sborsare 3-4 milioni tra l’operazione Sportitalia e le frequenze necessarie per trasmettere sul digitale – a fine anno arriverà una mazzata tra capo e collo: perderà i soldi di Sky, in quanto dei 5 canali che ha nel bouquet dell’emittente satellitare ne resteranno soltanto due (Marco Polo e Alice). Tre non saranno più visibili (Arturo, Nuvolari e Leonardo) perché anche Sky è alle prese con la sua spending review. Quindi di legna al fuoco ce n’è talmente tanta da riscaldare anche il Polo Nord. Ora non resta che aspettare che La Tona faccia un po’ di chiarezza. Per ora non ha voluto lasciare alcuna dichiarazione. La Notizia è a disposizione per qualsiasi chiarimento, visto che finora i nostri tentativi sono stati vani. Aspettiamo fiduciosi.

Tale e quale si allunga
Tale e Quale Show prosegue fino al 6 dicembre: 12 puntate invece delle 10 previste per il programma di Rai1 condotto da Carlo Conti, che venerdì scorso ha registrato l’ennesimo record di ascolti con 6milioni 266mila spettatori e il 26,39 di share. Si aggiungono le puntate del 13 novembre, eccezionalmente in onda di mercoledì, e del 6 dicembre.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA