“Salvini è superficiale e ha scarse competenze”. Al Foglio intervistano Di Maio, ma non è il vicepremier. E non lo spiegano. Cerasa: “Non è una fake news ma un gioco”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il vicepremier Matteo Salvini è “superficiale”, ha “scarse competenze” e una “forte abilità nella comunicazione e nella manipolazione dei fatti” dunque meriterebbe una mozione di sfiducia per “dimostrare all’esterno quante profonde differenze ci sono nel governo”. A parlare è Di Maio, non Luigi, il vicepremier e leader M5S, ma il deputato del Pd, Marco. Il curioso episodio si è materializzato in un’intervista, pubblicata, questa mattina, sull’edizione cartacea de Il Foglio, e ripresa anche da alcune agenzie. Il direttore del quotidiano fondato da Giuliano Ferrara, Claudio Cerasa, ha poi raccontato all’agenzia Dire cosa è accaduto: “Quando qualche giorno fa abbiamo letto che Salvini si era confuso nel leggere una agenzia di Di Maio del Pd che chiedeva la mozione di sfiducia nei suoi confronti abbiamo deciso di fare un’intervista e giocare con il cognome. Non c’è nulla da spiegare, non è una fake news ma un gioco, i 5 stelle ci pensano da soli a screditarsi”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA