Carissimo nemico

Milanese getta Tremonti nel guado del Mose. Sotto il torchio dei giudici l’ex deputato azzurro punta il dito contro Giulio da Sondrio: i 400 milioni per la maxi opera veneziana furono un favore dell’ex ministro alla Lega e un torto all’odiato Galan