Tg1 sui Carboni ardenti dopo la lite direttore-vice. L’Ad Salini in Vigilanza: “Prima di attribuire responsabilità attenderei l’inchiesta interna”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Toccherà all’Ad, Fabrizio Salini, chiudere il caso Tg1. Dopo la rissa sfiorata tra il direttore Giuseppe Carboni e il suo vice Angelo Polimeno Bottai, la vicenda è finita sulla scrivania dell’amministratore delegato Rai che dovrà prendere provvedimenti (formalmente la grana sarà risolta dall’ufficio competente di Viale Mazzini). E non si escludono sanzioni disciplinari. Entrambi i protagonisti hanno inviato una propria relazione. Ma come è nata la discussione?

La goccia che ha fatto traboccare il vaso sarebbe stato il mancato coinvolgimento di Polimeno, a differenza degli altri vice, nelle nomine interne al Tg1. Oltre ad un contrasto per i turni: il vice sarebbe stato escluso dalle edizioni di punta del tg. Senza contare i dati sul tempo di parola dell’Osservatorio di Pavia relativi al periodo 8-11 aprile, troppo sbilanciati a favore del Pd (16,8) rispetto a M5S (16,1) e Lega (13,4).

Sulla questione delle nomine contestate, si è aperto un vero e proprio caso politico. “Una nuova infornata di 11 collaboratori di vario ordine e grado al Tg1, probabilmente per presidiarlo meglio. In Italia, giornalisticamente parlando, la parola pluralismo non significa pluralità di visione e interpretazione dei fatti… ma semplicemente spartizione”, ha commentato su Facebook il senatore e commissario M5S della Vigilanza Rai, Alberto Airola.

Caso sul quale è intervenuto oggi lo stesso Salini nel corso della sua audizione in Commissione vigilanza. “Sono emerse in questa sede – ha detto l’Ad di viale Mazzini – valutazioni sul direttore del Tg1 a senso unico che non condivido: gli è stata attribuita un particolare litigiosità. Io non la penso così, ma prima di attribuire responsabilità, attenderei l’inchiesta interna e non mi baserei solo sulla lettura dei giornali o impressioni che vengono da racconti diversi”.