Tregua fragile. Prosegue la guerra di nervi tra Russia e Ucraina. Kiev punta il dito contro i ribelli filorussi accusandoli di impedire il ritiro delle armi pesanti dal fronte

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Soprattutto sul fronte militare, prosegue la guerra tra Ucraina e Russia. Questa volta lo scontro riguarda il ritiro delle armi. Le forze armate ucraine hanno sostenuto di non poter ancora iniziare il ritiro delle armi pesanti dal fronte perché i ribelli continuano a bombardare le loro postazioni. Secondo Kiev i separatisti avrebbero aperto il fuoco contro le postazioni ucraine 12 volte ieri notte. Insomma, l’obiettivo di creare in 14 giorni una zona cuscinetto larga da 50 a 140 km (a seconda della gittata) continua a essere messo in dubbio dal mancato rispetto della tregua in alcune aree del Donbass, fra recriminazioni reciproche. Sul fronte politico, invece, Vladimir Putin sembra voler abbassare i toni. Una guerra tra l’Ucraina e la Russia è “improbabile”, ha affermato il presidente russo in una intervista alla tv di stato. “Penso che un tale scenario apocalittico sia improbabile e spero che questo non accada mai”, secondo il quale non è necessario un ulteriore incontro con il presidente francese Hollande, il cancelliere tedesco Merkel e il presidente ucraino Poroshenko, dopo quelli che hanno portato all’accordo di Minsk. Ma Putin non cede di un millimetro sulla Crimea.

SCONTRO DEI LEADER
Poco prima Poroshenko aveva detto: “Lo Stato ucraino ristabilirà il proprio controllo sul territorio occupato. Ora non posso però dire che ciò accadrà in modo facile e rapido”. E ha definito “un atto cinico destinato alla conquista violenta delle Crimea, parte inalienabile dello Stato ucraino. Lo Stato ucraino non riconoscerà, in nessun caso, i risultati di quell’atto senza valore, adottato contro le leggi internazionali e quelle nazionali.