Via dalla noia. La tv fai da te delle star

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Parafrasando Casa Vianello si potrebbe dire: Che barba, che noia la tv. Con tutti questi talk così pallosi. I soliti ospiti. Format visti e rivisti. Ma sapete che vi dico la televisione me la faccio da solo. E ci metto tutto quello che mi pare. Il pensiero del fai-da-te dilaga. E sono sempre di più i big che decidono di aprirsi un canale streaming. Dopo Renzo Arbore e Fiorello, tocca a Jovanotti, che proprio oggi, giorno del suo compleanno, si è fatto il regalo della Jova Tv. Ma il primo che ha capito il cambiamento generazionale ed epocale è stato Red Ronnie. Il 12 dicembre del 2011 fu inaugurata Roxi Bar, la tv via streaming per eccellenza. Ormai un’icona per gli appassionati di musica e non solo.

RED RONNIE
“La tv non è più un elettrodomestico – è il primo comandamento di Red Ronnie – Tutta la comunicazione è ormai concentrata su telefonini, tablet e computer. Lo smartphone ci segue ovunque. È sempre lì con noi. A portata di mano. Scaricare immagini è facilissimo. Comprarsi una telecamerina è accessibile a tutti. Non ha più quei prezzi insormontabili di 30 anni fa. Quindi conviene andare in giro sempre armati di telecamera, filmare per poi mandare in onda. Lo stesso Jovanotti mi ha detto che lui ormai la telecamera se la porta pure al bagno. Se a tutto questo ci aggiungi la sete che ognuno di noi ha di comunicare con un video e soprattutto il fatto che la tv di oggi non comunica quello che ci interessa vedere. E se lo fa, lo fa male. Ecco spiegato il motivo per cui tutti dicono: te lo faccio vedere io come si fa. Così come accade con i dischi: tutti incidono perché una sala di registrazione te la puoi allestire anche dentro casa”.

JOVANOTTI
Per i suoi 48 anni Jovanotti ha deciso di regalarsi una tv, la JovaTv. Un canale televisivo web dedicato e realizzato da Lorenzo Cherubini: un nuovo spazio destinato alla produzione e alla distribuzione di materiali video. Per il momento siamo a un’anticipazione. Le trasmissioni cominceranno il 2 ottobre, giorno in cui saranno per la prima volta resi disponibili dei contenuti esclusivi realizzati solo per la web tv. Nelle intenzioni di Jovanotti, la JovaTV sarà una piattaforma di sperimentazione di nuovi linguaggi. Si potranno vedere i concerti, i video, gli inediti. Ma il musicista promette di utilizzarla anche per raccontare storie. “Per farvi vedere – ha detto l’artista – cose che la tv tradizionale non ha tempo e nemmeno voglia di trasmettere, per avere un archivio di tutta la mia storia, per dare spazio a nuovi registi e videomakers. Parlare di musica, vita, letteratura, orizzonti, scoperte, informazione “.

L’EDICOLA DI FIORELLO
Un altro precursore del web è Fiorello. La sua edicola è sul web da anni. Lo showman ha più volte detto di preferire la radio e il web alla tv. Quest’ultima non lo attrae più, anzi lo annoia. Un altro 50enne con uno spirito più vicino alle giovani generazioni.

IL CANALE DI ARBORE
Arbore non ha voluto più cimentarsi in tv perché non condivide la programmazione attuale. Non ci sono più gli autori e i registi di un tempo. Ha ripetuto in più occasioni, fino alla nausea. La tv migliore si vede di notte.
Però non ce l’ha fatta a staccare del tutto. Ha acceso un canale streaming. Arbore channel, 24 ore in diretta sul web con video musicali, interviste e trasmissioni in cui ha preso parte. Spezzoni televisivi e cinematografici.
Forse Renzo è il primo telespettatore che per vedere la tv non ha più bisogno del telecomando.