Via libera al concorsone Rai. Il Tribunale del lavoro rigetta i ricorsi presentati da oltre 100 giornalisti idonei ma non ancora assunti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Tribunale del lavoro di Roma, confermando le argomentazioni spiegate da Rai nei propri atti di causa, ha rigettato i due ricorsi d’urgenza presentati dal “Comitato per l’Informazione pubblica”, creato da oltre 100 giornalisti che avevano partecipato al precedente concorso che reclamavano un diritto di precedenza nell’assunzione e l’illegittimità del bando chiedendone l’annullamento previa sospensione cautelare. L’azienda, che dal 2015 ha proceduto all’assunzione a tempo indeterminato di circa 200 giornalisti, ha sempre sostenuto di non essere obbligata a inserire in organico i ricorrenti. Il nuovo concorso della Rai per giornalisti professionisti – 90 i posti disponibili presso la Testata regionale, può adesso procedere a passo spedito. La nuova selezione parte già con grandi numeri – sono infatti 3722 le richieste valide di partecipazione – e servirà ad integrare e irrobustire, attraverso un percorso trasparente, l’organico di 16 delle 20 sedi regionali della Rai. Ora l’azienda farà le dovute verifiche sul possesso dei requisiti, e nominerà la commissione di 21 membri, dopodiché si partirà con le prove. Al termine delle selezioni i vincitori diventeranno redattori ordinari, prima con contratto a tempo determinato e poi, in caso di positivo inserimento in azienda, indeterminato.