Viale Mazzini a tutta musica. Annunciato il grande ritorno in Rai di Mina e Celentano. Quarantadue nuovi programmi nel palinsesto

di Nello Mucci
Tv e Media

Andrea Fabriano vuole passare alla storia. Il direttore di Rai1 ha annunciato il ritorno di Mina in televisione. Ci riuscirà? Ah, saperlo… Il grande ritorno è previsto per il prossimo 5 dicembre quando uscirà il nuovo album con Adriano Celentano. La notizia è arrivata stamattina nel corso della presentazione dei nuovi palinsesti: “Per celebrare il nuovo disco andrà in onda una serata speciale, ricca di sorprese. Uno spettacolo da brivido”. Ma ci sarà davvero la coppia Mina-Celentano? “Ci saranno”, ha assicurato Fabriano, “in qualche modo”. Qualche dubbio resta. La certezza è che la nuova stagione di Viale Mazzini darà tanto spazio alla musica. Non è un caso, infatti, che la prima della Scala finirà in diretta sulla prima rete il prossimo 7 dicembre. A condurla sarà Carlo Conti. Un programma, in seconda serata, anche per Stefano Bollani: “L’importante è avere un pianoforte”. Momenti inediti anche con Renato Zero: sarà uno speciale con le immagini dei suoi ultimi concerti all’Arena di Verona e racconti inediti. Due serate di omaggio a Mogol condotte da Massimo Giletti. E, ancora, un evento dedicato a Zucchero e uno show con Roberto Bolle. Format musicale di quattro puntate su Rai2 con Mika. Indecisione sul talent “The voice”. Potrebbe cambiare la formula. Serata speciale anche per Lorella Cuccarini ed Heather Parisi su Rai1 con “Nemica amatissima”. Torna su Rai2 Michele Santoro. Per lui uno show dalle piazze italiane. Nel 2017, poi, a lui verranno affidate “nuove forme di giornalismo”. Cosa siano di preciso meglio chiederlo al direttore di rete, Ilaria Dallatana. In ambito talk resistono Giletti con “L’Arena” e Bruno Vespa con “Porta a Porta”. Innova Rai3 con uno show tutto suo per Virginia Raffaele e una striscia quotidiana per Pif. Ci sarà anche Gad Lerner a raccontare l’Islam contemporaneo. Complessivamente  saranno 42 “programmi novità”, con 37 format inediti e 5 nuove fiction, e il 33% del palinsesto delle quattro reti generaliste completamente cambiato. Sono questi i numeri snocciolati dal direttore generale Rai, Antonio Campo Dall’Orto. E per non farsi mancare niente potrebbe cambiare anche lo slogan: “Rai. Per te, per tutti”, utilizzato oggi alla presentazione dei palinsesti, potrebbe sostituire il tradizionale “Rai. Di tutto, di più”.