Altri 13.764 nuovi contagi e 71 vittime nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività è al 2,1%. Il Friuli Venezia Giulia in zona gialla da lunedì. Fedriga anticipa i divieti

contagi Coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Continua a crescere il numero di nuovi contagiati, dopo il balzo dei 12.448 di ieri che non si verificava dal 1° maggio scorso (leggi l’articolo). Secondo il bollettino giornaliero del ministero della Salute, i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore sono 13.764 a fronte di 649.998 tamponi e di un tasso di positività del 2,1%. Oggi si registrano 71 decessi (ieri erano 85). I guariti sono 6.404 mentre per gli attualmente positivi si registra un incremento di 7.281 unità per un totale di 166.598.

Per quanto riguarda i ricoveri nei reparti ordinari, sono 4.689 i degenti mentre in terapia intensiva i pazienti sono 588 con 57 nuovi ingressi. In isolamento domiciliare vi sono 161.321 positivi. La Lombardia è la prima regione per numero di contagi (2.302), seguita Veneto (2.066) e Emilia Romagna (1.307). La regione Emilia Romagna comunica che dal totale dei positivi dichiarati nei giorni precedenti, sono stati eliminati 3 casi, positivi a test antigenico ma non confermati da test molecolare.

La regione Friuli Venezia Giulia comunica che dal totale dei positivi dichiarati nei giorni precedenti, sono stati eliminati 5 casi, in quanto 3 test antigenici non confermati dal successivo test molecolare e 2 test positivi rimossi dopo revisione. La P.A. di Bolzano comunica che dei 547 nuovi positivi, 209 derivano da test antigenici confermati da test molecolare. La Regione Siciliana comunica che i decessi riportati oggi si riferiscono ai seguenti giorni: 1 il 25/11/21; 1 il 24/11/21; 1 il 23/11/21; 1 il 14/11/21; 1 il 2/10/21.

Il Friuli Venezia Giulia – dove nelle ultime 24 ore su 28.045 tra test e tamponi sono state riscontrate 845 positività con un tasso del 3,01% – entrerà in zona gialla da lunedì 29 novembre. Il presidente della Regione, Massimiliano Fedriga, ha deciso di anticipare alla stessa data i divieti per i no vax, che a livello nazionale scatteranno a partire dal 6 dicembre. Considerato che dal 6 dicembre entrerà in vigore il nuovo decreto che esenta i vaccinati dall’obbligo delle limitazioni, per non creare confusione ai cittadini, il presidente della Regione (che è anche presidente della Conferenza delle Regioni) ha proposto al Governo di anticipare di una settimana, in Friuli Venezia Giulia, l’adozione del super Green Pass.

In zona gialla, dunque, i vaccinati e i guariti non avranno limiti, a parte l’obbligo di portare la mascherina all’aperto. I cittadini non immunizzati, invece, potranno recarsi solo al lavoro e sui mezzi pubblici grazi al tampone negativo. Dovranno invece rinunciare a frequentare bar, ristoranti, teatri, piscine, palestre e altri luoghi di svago ai quali sarà possibile accedere solo con il vaccino o la guarigione.