Approvata in Vigilanza la risoluzione M5S sulla doppia poltrona di Foa. Il presidente della Rai dovrà lasciare l’incarico a RaiCom

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In Commissione Vigilanza è passata, con 21 voti a favore (oltre che M5S hanno votato sì anche Pd e Leu) e 9 voti contrari, tra cui quelli della Lega, la risoluzione M5S che impegna il presidente della Rai, Marcello Foa, a “lasciare immediatamente la presidenza di Rai Com” e “in ogni caso il Cda a rimuoverlo dal suddetto incarico”. Prima della risoluzione proposta dal Movimento 5 Stelle è stato messo ai voti un analogo testo messo a punto dal Pd, che non ha ottenuto la maggioranza necessaria, essendo stato votato solo dai dem.

“Il faro del MoVimento 5 Stelle è – ha commentato il vicepresidente della Vigilanza Rai Primo Di Nicola, primo firmatario della risoluzione M5S – il rispetto delle regole. Per questo non posso che essere soddisfatto dell’approvazione da parte della Commissione di Vigilanza Rai della mia risoluzione sul doppio incarico di Marcello Foa, presidente della Rai e di RaiCom. Mi auguro adesso che Foa e il CdA prendano atto di questo voto e agiscano per scongiurare questa criticità. Come ho avuto modo di ribadire più volte e come è scritto chiaramente nella risoluzione si tratta di un aspetto che confligge con gli articoli 22 e 26 dello Statuto della Rai”.

“Non si può esporre l’azienda del servizio pubblico – ha aggiunto l’esponente pentastellato – a un rischio di danno erariale, come già avvenne con il caso, seppur diverso, di Meocci. Oggi abbiamo fatto un passo avanti per la Rai, adesso possiamo voltare pagina e dedicarci al piano industriale e a tutti quegli aspetti fondamentali per rendere la Rai l’azienda competitiva, lontano dalle mani dei partiti, che merita di essere”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA