Stanziati 10 milioni per i familiari delle vittime della tragedia di Rigopiano. Salvini: “L’Italia c’è, il Governo c’è e non dimentica”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha annunciato che il Governo stanzierà 10 milioni per risarcire i familiari delle vittime dell’Hotel Rigopiano. “Come promesso – ha spiegato il vicepremier – abbiamo fatto in una settimana quello che altri non hanno fatto in due anni, un intervento di legge a favore dei familiari delle 29 vittime della tragedia di Rigopiano e, soprattutto, 10 milioni stanziati dal ministero dell’Interno per aiutare chi ha perso tutto in quelle drammatiche ore”. Lo stanziamento, ha spiegato Salvini nel corso di una diretta Facebook, verrà inserito con un emendamento che sarà presentato in Parlamento nei prossimi giorni. “Nessuno – ha aggiunto – riporterà in vita quelle 29 vittime, ma abbiamo dimostrato che l’Italia c’è, il governo c’è e non dimentica”.

“Chi, come noi, è abruzzese – affermano in una nota i senatori del M5s Gianluca Castaldi, Gabriella Di Girolamo e Primo Di Nicola – ha ancora negli occhi e nel cuore la tragedia dell’hotel Rigopiano, verificatasi il 18 gennaio 2017 nel Comune di Farindola. Proprio per questo, il MoVimento 5 Stelle ha presentato un emendamento al Decreto Semplificazioni che stanzia risorse con cui vogliamo aiutare i familiari delle vittime e i superstiti di quel tragico evento. Ma anche per chi, a causa del disastro, ha riportato lesioni gravi e gravissime. Un gesto concreto, l’ennesimo – affermano i tre parlamentari – nei confronti dei cittadini dell’Abruzzo e non solo, rimasti coinvolti loro malgrado in una vicenda che ha mostrato al Paese tutte le mancanze e le responsabilità politiche di un’amministrazione regionale sulla quale, per fortuna, sono calati i titoli di coda”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA