In carcere anche se non può fuggire

Galan incassa la (annunciata) batosta di Montecitorio che ha votato sì al suo arresto. Una misura che sembra eccessiva, considerate le condizioni fisiche dell’ex ministro. A prescindere da come si concluderà il procedimento che lo riguarda

Galan sempre più nei guai

La giunta per le autorizzazioni ha votato sì all’arresto dell’ex ministro per il caso Mose. Martedì prossimo il verdetto definitivo dell’Aula di Montecitorio

Carissimo nemico

Milanese getta Tremonti nel guado del Mose. Sotto il torchio dei giudici l’ex deputato azzurro punta il dito contro Giulio da Sondrio: i 400 milioni per la maxi opera veneziana furono un favore dell’ex ministro alla Lega e un torto all’odiato Galan