Quando finirà l’emergenza coronavirus? “Se va tutto bene ne usciremo a Natale, ma attenti alla Quarta Ondata”

emergenza coronavirus natale alberto mantovani
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quando finirà l’emergenza coronavirus? Alberto Mantovani, immunologo di fama mondiale e direttore scientifico dell’Humanitas di Milano lo pronostica oggi in un’intervista a La Stampa: “Se va tutto bene ne usciremo a Natale”. Ma poi mette anche in guardia dai possibili rischi: “Attenti alla Quarta Ondata”.

Quando finirà l’emergenza coronavirus? “Se va tutto bene ne usciremo a Natale”

Secondo Mantovani “Se ci impegneremo il Natale prossimo sarà più normale del passato. L’estate potrebbe essere una tregua, ma senza le illusioni dell’anno scorso”. E l’immunologo mette in guardia dai rischi della Quarta Ondata: “Sì, non possiamo dimenticare che si tratta di una pandemia e due delle attuali varianti che ci preoccupano sono nate in Sudafrica e in Amazzonia. Solidarietà e sicurezza camminano insieme. L’associazione Medici con l’Africa, che sostengo, si occupa di portare i vaccini a tutti”.

Poi il dottore spiega perché l’Ema ha deciso di modificare il foglietto illustrativo del vaccino AstraZeneca: “Non a caso si chiama bugiardino. Pure in quello del paracetamolo si trovano
possibili effetti collaterali, ma altamente improbabili. Ai miei cari vaccinati con Oxford non ho suggerito l’aspirina e non ne vedo il motivo”.  Il picco della Terza Ondata sarà la migliore pubblicità per la vaccinazione? “Temo non sarà una bella pubblicità. Bisogna tornare a parlare con la gente. Ieri l’ho fatto con 900 studenti e non vedo questo sforzo formativo da parte di tutti”. Infine, secondo Mantovani, Draghi ha fatto bene ad annunciare che si vaccinerà con AstraZeneca: “Dovrebbe farlo con Totti e i grandi campioni. Andava fatto mesi fa”.

Leggi anche: Come mettersi in lista per i vaccini avanzati nelle regioni 

Intanto il bollettino della Protezione Civile sull’emergenza coronavirus dice che sono 25.735 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Italia, in aumento rispetto all’altroieri quando erano stati 24.935, per un totale di 3.332.418 dall’inizio dell’epidemia. Sono 386 i decessi nelle ultime 24 ore, in calo rispetto ai 423 di ieri. I tamponi effettuati sono 364.822 rispetto ai 353.737 del giorno prima, con un rapporto positivi-tamponi stabile al 7 per cento. Il numero degli attualmente positivi è di 556.539, con un incremento rispetto a ieri di 9.029. I dimessi/guariti sono 16.292, per un totale di 2.671.638 dall’inizio dell’epidemia. Sono 3.364 le persone ricoverate in terapia intensiva, con un incremento di 31 unità rispetto a ieri. Le persone ricoverate con sintomi sono 26.858. A livello territoriale, le regioni con il maggior numero di contagi sono la Lombardia (5.518), l’Emilia Romagna (3.188), il Piemonte (2.997) e il Lazio (2.188).