Lucifero cambia rotta. Dopo il caldo record al Centro-Sud, con punte di 47 gradi in Sicilia, ora l’anticiclone africano punta al Nord

lucifero caldo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Lucifero cambia bersaglio. Dopo il caldo record al Centro-Sud (leggi l’articolo), ora punta al Nord. Secondo le previsioni de iLMeteo.it l’anticiclone africano, che ha fatto toccare punte superiori ai 47° centigradi in Sicilia (a Lentini e Siracusa), ora si appresta a colpire anche il Centro-Nord. Almeno fino al weekend di Ferragosto le temperature massime su Toscana, Lazio ed Emilia potrebbero toccare i 39-40° nelle zone interne (come a Firenze e Bologna), 38° a Roma, fino a 37° in Veneto e Lombardia, 35 in Piemonte e 32 in Liguria.

E’ decisamente l’estate più calda – anche se nel 1999 in provincia di Enna si arrivò a toccare i 48.5 gradi -, basti pensare che la Sardegna è reduce, quasi ovunque, da una notte “tropicale”, quella tra martedì e mercoledì, con temperature rimaste elevate – mai sotto i 25 gradi centigradi – anche nel cuore della notte, a causa sempre di Lucifero. Sull’isola sono attese ancora punte di 42 gradi, mentre martedì scorso sono stati superati i 44° in alcuni paesi dell’entroterra: Bosa (Oristano), con oltre 37 gradi, e Arbus (Sud Sardegna), con 35 gradi.

Temperature che stanno mettendo a dura prova non solo la popolazione ma anche coltivazioni e allevamenti. Così nelle stalle si fronteggia l’anticiclone africano con ventilatori e condizionatori accesi, doccette e pasti più leggeri. “Oltre agli uomini – spiega Coldiretti Lombardia – a soffrire il caldo sono anche gli animali nelle case e nelle fattorie. Se per gli animali domestici come cani e gatti è importante garantire sempre l’acqua e fare in modo che stiano sempre al riparo dal sole e in luoghi ben areati, per le mucche il clima ideale è fra i 22 e i 24 gradi, mentre oltre questo limite gli animali mangiano poco, bevono molto e producono meno latte”.

“Per questo – conclude Coldiretti – sono già scattate le contromisure anti afa nelle stalle dove gli abbeveratoi lavorano a pieno ritmo. Nelle stalle sono in funzione anche ventilatori e doccette refrigeranti per sopportare meglio la calura e i pasti vengono dati un po’ per volta per aiutare le mucche a nutrirsi al meglio senza appesantirsi”.