Coronavirus Italia oggi, il bollettino del 26 aprile 2021: 8.444 contagiati, 301 morti e 16.539 guariti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il bollettino del ministero della Salute sul coronavirus in Italia oggi 26 aprile 2021, con gli ultimi aggiornamenti sui casi di Covid-19 nelle regioni e i dati della Protezione Civile: 8.444 contagiati, 301 morti e 16.539 guariti. Ci sono13 terapie intensive in meno e 27 ricoveri in meno. I tamponi sono 145.819 mentre il tasso di positività è al 5,8% (+0,3%). Sono 17.751.562 le dosi di vaccino somministrate in totale. Ieri 13.158 contagi su 239.482 tamponi e 217 morti per Covid oltre a 13.176 guariti nelle ultime ventiquattro ore.

Il bollettino sul coronavirus di oggi 26 aprile 2021 in pdf

Coronavirus Italia oggi, il bollettino del 26 aprile

Sono quindi 8.444 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 13.158. Sono invece 301 le vittime in un giorno (ieri 217).  In totale i casi dall’inizio dell’epidemia sono 3.971.114, i morti 119.539. Gli attualmente positivi sono invece 452.812 (8.400 in meno rispetto a ieri) mentre i guariti e dimessi sono 3.398.763, con un incremento nelle ultime 24 ore di 16.539  Nel dettaglio la ripartizione regionale dei casi di coronavirus di oggi secondo il bollettino degli enti locali sono:

  • in Lombardia ci sono 872 nuovi contagi e 31 morti; i tamponi totali sono 16993 e il tasso di positività è al 5.13%; i vaccini totali sono 2866658;
  • il Lazio ha 964 nuovi casi di positivi al coronavirus e 44 morti; i tamponi totali sono e il tasso di positività è al %; i vaccini totali sono 1735654;
  • in Piemonte ci sono 568 nuovi casi e 21 morti; i tamponi totali sono 5762 e il tasso di positività è al 9.86% ; i vaccini totali sono 1400907;
  • in Emilia-Romagna ci sono 936 nuovi contagi e 17 morti; i tamponi totali sono 9513 e il tasso di positività è al 9.84%; il totale dei vaccini è 1471456;
  • La Campania ha 1.282 nuovi casi di coronavirus e 58 morti; i tamponi totali sono 9437 e il tasso di positività è al%. I vaccini totali sono 1528778;
  • in Calabria ci sono 185 nuovi casi e 3 morti; i tamponi sono 2068; il tasso di positività è all’8.95%; i vaccini totali sono 481664;
  • nelle Marche ci sono 123 nuovi positivi; i tamponi sono 1410; il tasso di positività è all’8.72% e i vaccini totali sono 496612;
  • L’Abruzzo ha 97 nuovi casi di coronavirus e 1 morto; i tamponi totali sono 2270 e il tasso di positività è al 4.27%; i vaccini totali sono 389456;
  • in Puglia ci sono 477 nuovi positivi e 37 morti; i tamponi totali sono 5792 e il tasso di positività è all’8.24%; i vaccini totali sono 1153266;
  • in Veneto ci sono 535 nuovi positivi e 10 morti; i tamponi totali sono 11120 e il tasso di positività è al %; i vaccini totali sono 1489166;
  • la Toscana ha 737 nuovi positivi e 22 morti; i tamponi sono 9894 e il tasso di positività è al 7.45%; i vaccini totali sono 1151154;
  • La Basilicata conta 50 nuovi positivi e 5 morti; i tamponi sono 1279, il tasso di positività è al 3.91% e i vaccini totali sono 161253;
  • in Valle d’Aosta ci sono 53 nuovi casi e 3 morti; i tamponi sono 158, il tasso di positività è al 33.54%; i vaccini totali sono 40359;
  • in Friuli-Venezia Giulia ci sono 100 nuove positività e 7 morti; i tamponi sono 1852 e il tasso di positività è al 5.40%; i vaccini totali sono 384263;
  • L’Umbria ha 25 nuovi positivi e 3 morti; i tamponi totali sono 416 e il tasso di positività è al 6.01%; i vaccini totali sono 271627;
  • in Sardegna ci sono 135 nuovi positivi e 11 morti; i tamponi sono 2112 e il tasso di positività è al 6.39%; i vaccini totali sono 461357;
  • la Liguria ha 200 nuovi contagi e 7 morti; i tamponi sono 3839 e il tasso di positività è al 5.21%; i vaccini totali sono 538859; 
  • in Sicilia ci sono 1069 nuovi positivi e 13 morti; i tamponi sono 20619 e il tasso di positività è al 5.18%; i vaccini totali sono 1288228;
  • il Molise ha 16 contagi in più e un morto; i tamponi sono 337 e il tasso di positività è al 4.75%; i vaccini totali sono 105441;
  • La provincia di Bolzano ha 10 nuovi contagi e nessun morto; i tamponi sono 233, il tasso di positività è al 4.29% e i vaccini totali sono 177671;
  • La provincia di Trento ha 16 nuovi contagi e 1 morto; i tamponi sono 428, il tasso di positività è al 3.74% e i vaccini totali sono 157733;

La Regione con più casi nuovi di contagio è la Campania (1.282), seguita dalla Sicilia (1.069), dal Lazio (964), dall’Emilia-Romagna (936) e dalla Lombardia (872).

Il bollettino sul coronavirus di oggi, 26 aprile 2021, in Sicilia, Lombardia, Trentino e Liguria

Sono 1.069 i nuovi positivi al Covid19 in Sicilia su 20.619 tamponi processati, con una incidenza del 5,2%. La Regione è seconda per numero di contagi giornalieri dietro alla Campania. Le vittime nelle ultime 24 ore sono state 13 e portano il totale a 5.305. Il numero degli attuali positivi è di 26.091, con incremento di 581 casi rispetto a ieri. I guariti sono 475. Negli ospedali i ricoverati sono 1.428, 13 in più rispetto a ieri, quelli nelle terapie intensive sono 174, tre in meno rispetto a ieri. La distribuzione dei nuovi casi tra le province, vede Palermo con 584 casi, Catania 210, Messina 101, Siracusa 37, Trapani 19, Ragusa 66, Caltanissetta 33,Agrigento 1, Enna 18.

Un decesso per coronavirus in Trentino con 16 nuovi contagi e un leggero aumento dei ricoverati. Lo dicono i dati del bollettino odierno dell’ Azienda provinciale per i servizi sanitari. Nel dettaglio, su 323 tamponi molecolari analizzati ieri all’ospedale Santa Chiara, sono emersi 10 nuovi casi positivi; sono stati inoltre confermati 20 casi che erano risultai positivi nei giorni scorsi ai test antigenici. Quanto a questi ultimi, ieri ne sono stati notificati 105 che hanno individuato altri 6 casi positivi.

In Lombardia invece nelle ultime 24 ore si sono registrati 872 nuovi casi di coronavirus a fronte di 16.993 tamponi effettuati (5,1%). I decessi sono stati 31 per un totale totale complessivo dall’inizio della pandemia che sale cosi’ a 32.688. I guariti/dimessi sono 5.499 per un totale da inizio dell’emergenza pari a 710.637, di cui 3.838 dimessi e 706.799 guariti. Continuano a diminuire la pressione sulle strutture ospedaliere lombarde: in terapia intensiva si trovano adesso ricoverati 601 pazienti (-9), mentre negli altri reparti i malati con sintomi da Covid-19 sono 3.824 (-62).

Sono infine altri 7 i decessi di persone positive al coronavirus registrati nel bollettino diffuso da Regione Liguria, 200 i nuovi casi Covid. Le vittime da inizio emergenza sono salite a 4.143. La curva dei ricoveri ospedalieri continua a scendere, attestandosi sotto quota 600: al momento, nei nosocomi della Liguria ci sono 595 pazienti Covid, uno in meno di ieri. Di questi, 69 sono in terapia intensiva. Il report segnala 200 nuovi casi. Nelle ultime 24 ore effettuati meno tamponi, come di consueto nel weekend: 2.509 quelli molecolari e 1.330 gli antigenici rapidi.

Coronavirus Italia oggi, il bollettino del 26 aprile 2021 in Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Campania

Contagi e ricoveri in calo ma 11 decessi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Nell’aggiornamento quotidiano dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 135 nuovi casi contro i 290 di ieri, ma si contano altri 11 morti (1.363 in tutto). Complessivamente dall’inizio dell’emergenza sono 53.590 i contagi nell’Isola. In totale sono stati eseguiti 1.171.672 tamponi, con un incremento di 2.112 test rispetto al dato precedente. Il tasso di positività sale al 6,3%. Migliora la situazione negli ospedali. Sono 362 (-4) i pazienti ricoverati in reparti non intensivi, 47 (-1) quelli in intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 17.351, i guariti 34.467 (+247). Sul territorio, dei 53.590 casi positivi complessivamente accertati, 13.977 (+50) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 8.071 (+2) nel Sud Sardegna, 4.722 (+3) a Oristano, 10.502 (+43) a Nuoro, 16.318 (+37) a Sassari.

Oggi invece in Friuli Venezia Giulia su 1.852 tamponi molecolari sono stati rilevati 83 nuovi contagi con una percentuale di positività del 4,48%. Sono inoltre 1.181 i test rapidi antigenici eseguiti, dai quali sono stati rilevati 17 casi (1,44%). I decessi registrati sono 7, i ricoveri nelle terapie intensive rimangono 37, mentre quelli negli altri reparti sono 286. Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente ammontano a 3.671, con la seguente suddivisione territoriale: 779 a Trieste, 1.951 a Udine, 660 a Pordenone e 281 a Gorizia. I totalmente guariti sono 87.295, i clinicamente guariti 5.306, mentre le persone in isolamento scendono a 7.942.

Infine la Regione Campania ha diffuso i dati relativi all’emergenza Covid sul territorio. A fronte di 11.364 tamponi effettuati sono stati scoperti 1.282 nuovi casi di contagio, 486 dei quali pazienti con sintomi e 796 asintomatici. Si sono registrate inoltre 1.836 guarigioni e 58 morti.  Il rapporto tra nuovi casi di Covid e tamponi è all’11,2%. I deceduti sono 58 (di cui 38 nelle ultime 48 ore), mentre sono 1.836 i guariti. Dall’inizio della pandemia, sono 6.268 le persone decedute per Covid in Campania e 286.423 quelle guarite. Sono 141 i ricoverati in terapia intensiva, quattro più di ieri, su 656 posti letto disponibili, e 1.527, 16 più di ieri, i ricoverati in degenza su 3.160 posti letto complessivamente disponibili in Campania.

26 aprile 2021: il bollettino sul coronavirus di oggi in Calabria, Piemonte ed Emilia-Romagna

Sono 185 in più, rispetto a ieri, le persone risultate positive al coronavirus in Calabria su 2.068 tamponi eseguiti. In Calabria finora sono stati sottoposti a test 702.618 soggetti per un totale di 755.318 tamponi eseguiti. Le persone risultate positive al coronavirus sono 58.291, quelle negative 644.327. Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano dei dati relativi al Covid: dall’inizio dell’emergenza i decessi sono 987 (+3 rispetto a ieri), i guariti sono 42.433 (+217 rispetto a ieri), inoltre attualmente i ricoveri sono 528 (+11 rispetto a ieri), di questi 46 in terapia intensiva. I casi confermati oggi sono così suddivisi: Cosenza 11, Catanzaro 16, Crotone 0, Vibo Valentia 1, Reggio Calabria 142. Gli attualmente positivi sono 14.871.

Oggi invece l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 568 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 38 dopo test antigenico), pari al 4,8% di 11.954 tamponi eseguiti, di cui 6.192 antigenici. Dei 568 nuovi casi, gli asintomatici sono 247 (43,5%). I casi sono cosi’ ripartiti: 91 screening, 399 contatti di caso, 78 con indagine in corso; per ambito: 6 rsa/strutture socio-assistenziali, 83 scolastico, 479 popolazione generale.

Sono infine 936 i positivi al coronavirus rilevati nelle ultime 24 ore in Emilia-Romagna con 12.645 tamponi, un numero di test al di sotto della media come sempre avviene nei weekend. L’età media dei nuovi contagiati, 402 asintomatici, è 36,7 anni. Tra le province, Bologna segna 185 casi più 20 dell’Imolese, seguita da Modena (161), Reggio Emilia (109), Forlì-Cesena (107). Si registrano altri 17 morti, cinque uomini e 12 donne, dai 61 ai 98 anni, e un lieve aumento di ricoverati: 1.861 nei reparti Covid (+19), 268 in terapia intensiva (+3). I guariti sono sono 2.874 in più di ieri, i casi attivi 48.523 (-1.955) di cui il 95,6% in isolamento a casa. Alle 15, infine, sono state somministrate complessivamente 1.498.893 dosi di vaccino; sul totale, 471.974 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

I casi di coronavirus oggi, 26 aprile 2021, in Veneto, Puglia e Basilicata

Per quanto riguarda la ripartizione dei casi di Covid-19 per regioni, il Veneto registra 535 nuovi contagi e 10 decessi nelle ultime 24 ore. Si tratta comuqnue di numeri che, come sempre al lunedì, risentono della ridotta attività di tracciamento durante il fine settimana. Il bollettino della Regione aggiorna intanto a 408.365 il totale degli infetti dall’inizio dell’epidemia, nel febbraio 2020, e a 11.245 quello delle vittime. Cala pure costantemente la pressione sugli ospedali: complessivamente sono infatti 1.540 (-19) i malati ricoverati con una diagnosi di Covid; di questi, 1.325 (-20) nei normali reparti medici, mentre 215 (+1) si trovano nelle terapie intensive. I soggetti attualmente positivi e in isolamento sono infine 23.507 (+195).

In Basilicata invece sono 50 i nuovi casi di positivi al Sars Cov-2, su un totale di 1.279 tamponi molecolari, e si registrano cinque decessi. Lo rende noto infatti la task force regionale con il consueto bollettino. Le persone decedute risiedevano poi nei Comuni di Atella, Genzano di Lucania, Irsina, Rionero in Vulture e San Fele. I lucani guariti o negativizzati sono intanto 101. Aggiornando i dati complessivi, intanto, i lucani attualmente positivi scendono a 5.829 (-56), di cui 5.653 in isolamento domiciliare. Sono invece 16.449 le persone residenti in Basilicata guarite dall’inizio dell’emergenza sanitaria e 499 quelle decedute. Invariato infine il numero dei ricoverati nelle strutture ospedaliere lucane, sono 176.

Infine oggi in Puglia sono stati registrati 5.792 test per l’infezione da Covid-19 e sono stati registrati 477 casi positivi: 100 in provincia di Bari, 34 in provincia di Brindisi, 39 nella provincia Bat, 208 in provincia di Foggia, 83 in provincia di Lecce, 8 in provincia di Taranto, 1 caso di residente fuori regione, 4 casi di provincia di residenza non nota. Sono stati registrati 37 decessi: 12 in provincia di Bari, 3 in provincia Bat, 12 in provincia di Foggia, 3 in provincia di Lecce, 7 in provincia di Taranto. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.171.461 test. 175.209 sono i pazienti guariti. 48.728 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 229.658.

Il bollettino sul coronavirus di oggi, 26 aprile 2021, in Alto Adige, Toscana e Marche

Nel primo giorno del Corona-Pass in Alto Adige il bollettino Covid elenca invece un’altra giornata senza decessi e, per la prima volta dallo scorso autunno, appena dieci nuovi casi. I test effettuati ieri sono comunque meno di 1.200, ben sotto la media dei mesi scorsi. Sono risultati positivi infatti tre tamponi pcr su 233 e sette test antigenici su 957. Sono poi in calo anche i ricoveri: da 117 di ieri a 106. Quelli in terapia intensiva sono scesi da 11 a 10, quelli nelle cliniche private da 48 a 31, mentre salgono da 58 a 65 i pazienti nei normali reparti ospedalieri.

Nelle Marche invece sono state 6, dopo le 5 di ieri, le vittime correlate al Covid-19 registrate nelle ultime 24 ore, tutte con patologie pregresse: si tratta di 4 donne, di età compresa tra 69 e 92 anni, e un uomo 89enne. Lo si apprende dal terzo bollettino quotidiano del Servizio sanitario regionale. Sono diventati poi 2.915 i decessi dall’inizio della crisi pandemica, 248 dall’inizio di aprile: 1.633 uomini e 1.282 donne, con un’età media di 82 anni. In provincia di Pesaro-Urbino sono infine morte finora 960 persone, in provincia di Ancona 929, 486 in quella di Macerata, 276 nel Fermano e 232 nel Piceno. Tra le vittime ci sono anche 32 persone non residenti nelle Marche, ma decedute negli ospedali della regione.

Infine, i nuovi casi registrati in Toscana sono 737 su 11.609 test di cui 9.894 tamponi molecolari e 1.715 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è  del 6,35% sul totale dei tamponi e del 17,3% sulle prime diagnosi.

Coronavirus Italia oggi, i casi in Valle d’Aosta, Lazio e Abruzzo

Tre decessi e 53 nuovi contagi da Covid 19 in Valle D’Aosta che portano il totale complessivo delle persone colpite da virus da inizio epidemia a 10.746. I dati sono contenuti nel bollettino di aggiornamento sanitario della Regione. I positivi attuali sono 814, + 22 rispetto a ieri, di cui 46 ricoverati in ospedale, &in terapia intensiva, e 760 in isolamento domiciliare. I guariti sono ad oggi 9478 + 28 rispetto a ieri i tamponi finora effettuati sono 111.275, +210, di cui 22.349 processati con test antigienico rapido. I decessi in Valle d’Aosta di persone risultate positive al virus da inizio epidemia ad oggi sono 454.

Sono invece complessivamente 70615 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a ieri si registrano 97 nuovi casi (di età compresa tra 1 e 88 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 25, di cui 2 in provincia dell’Aquila, 3 in provincia di Pescara, 15 in provincia di Chieti e 5 in provincia di Teramo. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 1 nuovo caso e sale a 2377 (si tratta di una 87enne della provincia di Teramo).Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 59181 dimessi/guariti (+183 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 9057 (-88 rispetto a ieri).

Infine ad oggi nel Lazio sono 46.623 gli attuali casi positivi al Covid-19, di questi sono 43.881 in isolamento domiciliare. Mentre 2.742 persone sono ricoverate, 331 delle quali sono in terapia intensiva. Infine, 7.554 persone sono decedute e 265.285 guarite. In totale sono stati esaminati 319.462 casi. Lo riporta il bollettino della Regione Lazio.

La zona gialla dal 26 aprile e il rischio della risalita dei contagi

Con il ritorno delle zone gialle ci sarà una risalita dei casi, la cui entità dipenderà dai comportamenti dei cittadini. La previsione è di Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, ai microfoni di Radio Cusano Campus.

“Dopo 6 mesi di sperimentazione si sono evidenziati dei limiti di questo sistema, bisognerebbe effettuare un tagliando – ha affermato Cartabellotta -. Oggi non considerare le persone fragili vaccinate è un errore, perché dove più fragili sono vaccinati ci si può permettere qualche riapertura in più. Noi oggi sappiamo che il colore rosso funziona sempre, l’arancione presenta un’efficacia minore e non perfettamente costante, il giallo non determina nessun impatto sulla riduzione dei contagi, soprattutto da quando c’è la variante inglese. Tornando quasi tutta Italia in giallo, è evidente che ci sarà una risalita dei casi, dipenderà dal comportamento dei cittadini quanto rilevante sarà questa salita. I controlli servono, però questo è il momento di una grande alleanza tra politica, cittadini e servizi sanitari”.

Con le nuove norme, ha aggiunto l’esperto, sarebbe stato più coerente allungare il coprifuoco fino alle 23. “Credo ci sia stata molta fantasia interpretativa. Quando si è insediato il governo Draghi, si diceva che si sarebbe sentita una sola voce, invece ieri ne abbiamo sentite diverse che ci hanno disorientato. Il coprifuoco è alle 22, secondo me sarebbe stato più coerente con le nuove norme prolungarlo fino alle 23, ovviamente con adeguato potenziamento dei controlli. Questo non è stato fatto, non penso però che debba essere oggetto di interpretazioni, come è sembrato dalle parole di Gelmini e Sibilia. Fare vedere che ci sono discordanze interpretative e voci non univoche non è un bene”.

Il bollettino sul coronavirus in Italia di ieri, 25 aprile 2021

Ieri invece sono stati 13.158 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle 24 ore in Italia, in calo rispetto al giorno prima quando erano stati 13.817. Per un totale infine di 3.962.674 dall’inizio dell’epidemia. 217 i decessi, in calo rispetto ai 322 del giorno prima. Quanto ai tamponi effettuati, ieri sono stati 239.482 rispetto ai 320.780 del giorno prima. Il rapporto tamponi-positivi è salito al 5,4 per cento rispetto al 4,3 per cento del giorno prima.

Il bollettino sul coronavirus del 25 aprile in pdf

Ieri infatti è sceso anche il numero degli attualmente positivi, arrivato a 461.212, con un calo di 236 unità rispetto al giorno prima. I dimessi/guariti sono stati poi 13.176 per un totale di 3.382.224 dall’inizio dell’epidemia. 2.862 le persone ricoverate in terapia intensiva, 32 in meno rispetto al giorno prima. Le persone ricoverate con sintomi erano infine 20.662. Infine, a livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi erano la Lombardia (1.967), la Campania (1.854), la Puglia (1.203) e il Lazio (1.185).

Leggi anche:

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA